BioAppetì al VEGfest di Cesena, domenica 19 giugno

Domenica 19 Giugno a partire dalle ore 15 presso il Parco Villa Silvia di Cesena si terrà la seconda edizione di VEGfest, festival dedicato allo stile di vita vegan nel rispetto dell’ambiente e degli animali. 

Un ricco programma di eventi e intrattenimenti caratterizza la giornata: conferenze con medici, nutrizionisti e psicologi, intrattenimento musicale, mercatino con prodotti 100% cruelty free, area relax, spazio gioco per i bambini e area agility per i cinofili.

Partecipiamo con entusiasmo a questo festival con un menu vegan “garantito BioAppetì”: tofu, seitan e tempeh 100% bio da gustare in svariate preparazioni!

Per maggiori informazioni http://www.vegfest-forlicesena.it/

Annunci

Sformatini deliziosi

This gallery contains 2 photos.

Ecco qui una ricetta davvero di alto livello, riesce nel miracolo di essere allo stesso tempo semplice e raffinatissima…a proporla la nostra amica Felicia, instancabile vulcano di idee e sempre elegantissima nelle sue proposte. Ha una particolarità: riesce a realizzare … Continua a leggere

Nutriente, preziosa, di qualità: viva la soia!

La soia è sicuramente la materia prima “regina” della nostra produzione aziendale.

Grandi sacchi da 1.000 Kg di soia biologica rigorosamente italiana troneggiano sugli scaffali del nostro magazzino, pronti per essere trasformati in alimenti ricchi di virtù e proprietà nutrizionali fuori dal comune: il Tofu e il Tempeh.

Ma procediamo con ordine e scopriamo innanzitutto cos’è la soia.Originaria del Nord Est della Cina, la soia si trova citata in scritti del lontano 3000 a. C. con il nome di ta-teou (grande fagiolo), ed era considerata tra le cinque piante sacre insieme a frumento, miglio, orzo e riso. Dalla Cina la soia passò alla Corea e poi al Giappone, nonché, verso sud, all’Indocina, alle Filippine e marginalmente alla regione himalaiana.  Fuori dell’Asia, la coltivazione della soia è documentata solo a partire dall’Ottocento.

La pianta di soia è una leguminosa (appartengono alla stessa famiglia i piselli e i fagioli) che produce un baccello contenente tre semi, i semi di soia appunto. Esistono più di 100 diverse varietà, che si possono distinguere per dimensioni, colore, tenore proteico e consistenza dell’olio. La varietà a semi gialli è la più utilizzata, poiché contiene una combinazione ottimale di proteine, grassi e sapore.

Grazie ad una composizione nutrizionale unica, la soia è l’alimento ideale per una dieta bilanciata. 

  • è fonte di proteine vegetali di alta qualità;
  • è ricca di vitamine B ed E, sali minerali e acidi grassi essenziali;
  • naturalmente priva di colesterolo, è ricca di grassi insaturi (mono e polinsaturi) e povera di grassi saturi; può contribuire al funzionamento efficiente del sistema cardiovascolare;
  • di origine vegetale al 100%, i prodotti a base di soia non contengono lattosio e sono pertanto facilmente digeribili.

Il consumo di prodotti alimentari derivati dalla soia si rivela fondamentale per quei soggetti che, a causa di intolleranza al lattosio o allergia alle proteine del latte, non possono assumere alimenti a base di latte e suoi derivati. Essendo inoltre priva di colesterolo, è particolarmente indicata in un regime dietetico ipolipidico (con prevalenza di grassi monoinsaturi e polinsaturi). E’ elencata anche tra i cibi anticancerogeni grazie alla presenza di fitoestrogeni (che contrastano il cancro alla prostata e al seno) e degli isoflavoni (che sono in grado di sensibilizzare le cellule tumorali agli effetti della radioterapia, perché inibiscono il loro meccanismo di auto-conservazione – e allo stesso tempo agiscono anche come antiossidanti nei tessuti normali, proteggendoli dai danni accidentali della radioterapia). 

L’alimento principale a base di soia non fermentata tradizionale è la bevanda di soia (o latte di soia), che si può consumare direttamente al naturale o aromatizzata; inoltre, può essere impiegata nella fabbricazione di altri alimenti come i dessert (creme o yogurt).

Ma veniamo al Tofu e il Tempeh che Con.Bio. produce dal 1998. Per produrre il tofu, il latte di soia viene cagliato utilizzando un tipo di sale ricco di calcio o magnesio. La cagliata che si ottiene viene compressa in una forma bianca solida. La tecnica applicata è simile a quella impiegata nella produzione del formaggio. Il tofu si può consumare direttamente al naturale ma lo si apprezza maggiormente nella preparazione di varie pietanze in quanto è formidabile nell’assorbire i sapori di altri ingredienti.  Il tempeh invece è ricavato dalla fermentazione dei fagioli di soia bolliti e asciugati, a seguito dell’inoculo di un micelio fermentante (starter) Rhizopus oryzae, che arricchisce la soia di enzimi e moltissime proprietà nutritive. Anche il tempeh è molto versatile: con l’aggiunta di erbe aromatiche o altri condimenti a piacere, permette di creare piatti ben caratterizzati e dal sapore decisamente stuzzicante.

Per sbizzarrirvi in cucina potete trovare il tofu e il tempeh al naturale in pratiche confezioni da 250g.  E se non avete voglia di stare ai fornelli noi vi risparmiamo la fatica! Provate la cotoletta di tofu, da dorare per pochi minuti in padella! E per un gustoso mix di tofu e tempeh vi consigliamo la paella vegetale: per un pieno di proteine ma senza colesterolo!

Cotoletta di tofu e paella vegetale sono in offerta speciale per tutto il mese di giugno nei negozi NaturaSì e CuoreBio.

Comunicato riguardante i germogli di soia

Cari amici,

vorremmo fare una precisazione importante riguardo all’informazione che sta circolando rispetto alla provenienza del batterio di E.Coli che ha provocato l’epidemia in Germania. L’origine del batterio è stata individuata in un lotto di germogli di soia prodotto da un’azienda tedesca (immediatamente chiusa).

Purtroppo gli organi di stampa titolano “la responsabile è la soia” oppure “chiusa azienda tedesca che produce soia” messaggio totalmente scorretto sotto diversi aspetti:

  1. L’azienda in questione NON produce soia ma GERMOGLI DI SOIA;
  2. L’accertamento del ruolo dei germogli NON coinvolge la soia in genere e i prodotti derivati dalla soia. Com’è noto, infatti, i  cosiddetti germogli di soia non sono ottenuti dalla soia, ma dal fagiolo mung (che in Italia ci si ostina a chiamare del tutto impropriamente “soia verde”, così come qualcuno chiama gli azuki “soia rossa”). Il genere della soia (Glycine max) è il Glycine, quello della cosiddetta “soia verde” (Vigna radiata) e degli Azuki (Vigna angularis) è invece il Vigna. Al di là della consuetudine italiana di apparentare leguminose esotiche sotto il comune nome di “soia”, gli ingredienti di tofu,  bevande di soia, condimenti ecc. NULLA hanno da spartire con il fagiolo mung.

Il Tofu e il Tempeh, derivati dalla soia, non hanno quindi niente a che fare con l’epidemia in questione. Con l’occasione segnaliamo tra l’altro che il Tofu BioAppetì viene prodotto esclusivamente con soia italiana acquistata in Emilia Romagna, regione dove Con.Bio. ha la sua sede. 

In ogni caso anche per quanto riguarda i germogli di soia è evidente che NON si tratta di una caratteristica connaturata ai germogli in genere, ma solo a quella singola partita. Nessun problema quindi anche per altri prodotti che includano nella lavorazione l’utilizzo di germogli. 

Tra i piatti pronti della gamma BioAppetì prodotti da Con.Bio. troviamo ad esempio due ricette che hanno germogli di soia tra i propri ingredienti: Quinoa alle verdure e Farro e verdure piccanti. Ma anche in questo caso è doveroso precisare che il prodotto utilizzato niente ha a che vedere con il lotto incriminato e che si tratta comunque di un ingrediente che viene cotto al momento della realizzazione del piatto. 

Con la speranza che si faccia definitivamente chiarezza rispetto alla situazione e che le comunicazioni in merito vengano date nel modo più specifico e corretto possibile in modo da evitare psicosi e colpevolizzazioni inutili e dannose, siamo a vostra disposizione per ogni chiarimento in merito.

Grazie!